un ricordo molto lontano..

qualche anno fà una sera , stavo passeggiando tranquillamente con lui quando ho incrociato un uomo, non particolarmente bello ma con due occhi ed un sorriso da favola. Ci siamo messi a parlare un po’ ed era bella la situazione, sembravamo tre anime complementari. Dopo un po’ l’uomo incontrato ha proposto di accompagnarci a casa, io e lui ci siamo guardati negli occhi ed abbiamo deciso che il tipo era ok, perchè no? Arrivati a casa , lui e il tipo si sono messi sul divano, io ho versato qualcosa da bere, ho messo un po’ di musica soft e l’atmosfera che si andava creando era carica di sensualità. Ancora qualche chiacchiera dopodichè il tipo mi guarda intensamente e mi bacia. Io inizialmente ero un po’ titubante, ho guardato lui per cercare di capire cosa dovevo fare , ma lui si è limitato a ricambiare lo sguardo invitandomi tacitamente ad andare avanti….Chissà , forse la serata estiva, forse la musica, forse ciò che stavamo bevendo ha contribuito, io sò soltanto che i baci del tipo mi piacevano, aveva un buon odore , un buon sapore, lui guardava interessato ……. eravamo in piedi a baciarci io e il tipo quando all’improvviso lui si è alzato, si è messo dietro al tipo e con una passione che non sapvo lui avesse ha azzannato un polpaccio del tipo…..non vi dico il casino…Evidentemente io avevo frainteso lo sguardo del mio cane, io pensavo che anche a lui piacesse il tipo ma la sua era solo una commedia , aspettava il momento propizio per eliminare colui che aveva attirato le mie attenzioni. Con il tipo è andata avanti qualche mese ma Rollo (il mio cane) proprio non lo sopportava , lui non sopportava il mio cane e la storia si è esaurita per mancanza di affinità triangolare…..

Cose

Le mie cose sono ammucchiate in un armadio.

Le mie idee sono confuse nella mente.

Non trovo niente di quello che serve.

Ci vorrebbe più ordine.

25393d3d889a400b8406192febf32ab3.jpg

 

Va Bene Così.

Sensazioni perse in un momento folle della mia vita.
Vita mai ritrovata però sempre lasciata,
ascoltando qualcosa che mi riporta a me stesso.
Cosa sono?
Invidiando me stesso, guardo voi.
Nulla con il niente che non c’è più.
Almeno quello dovrebbe rimanere.
Tutto questo è un pensiero, poi mi sveglio.
Sono io. Le mie capacità, il mio interesse per la vita.
Ne vale la pena
Riesco a prendere nei tuoi occhi ciò che sono
e ciò che non vorrei più essere
Ogni mattina l’alba mi assale.
Nuovo giorno, nuove speranze.
L’unica cosa reale: averci, esserci.
Va bene così.
Riguardando i passi del mio passato,
orme ben impresse che ti rimangono addosso
come il vomito umano;
acido che ti corrode l’anima,
macchia indelebile del tuo passato.
Speranze future, speranze presenti
Realizzate nella tua fantasia.
Fantasia…
bella storia
Nessuno mai, neanche tu stesso, la può rubare.
Sogni, sogni, sogni.
Realizzati?